EMOJI

/pronuncia iˈməʊ.dʒi /

(Evoluzione delle ‘emoticons‘)

 

Emoji deriva dal giapponese 絵文字, composto di “e” (immagine) e “moji” (lettera, carattere).

Il significato italiano più vicino è pittogramma. Ma difficilmente sentirete qualcuno chiamarli così.

È un evoluzione del linguaggio e la si potrebbe considerare una lingua scritta a se stante.

CE N’È PER TUTTI I GUSTI

Le emoji possono essere considerate l’evoluzione delle emoticon, una rappresentazione tipografica sul display di un viso usando la punteggiatura.

Le emoji, invece, sono state create alla fine del 1990 dalla NTT DoCoMo, società di comunicazione giapponese; sono infatti immagini, trattate dai computer come lettere di una lingua non occidentale, alla stregua dei segni grafici del cinese o del giapponese.

A rendere il gioco più difficile poi ci sono le Kaomoji, di derivazione giapponese. Un misto di caratteri giapponesi e punteggiatura, Esempio: (◕‿◕)

 

A tutto questo, poi, vanno aggiunti gli sticker, che alcuni archiviano come emoji, ma in realtà sono specifici delle applicazioni, e non utilizzabili altrove (facebook, telegram, whatsapp…)

NOVEMBRE 2019
L M M G V S D
< PREC.   SUCC. >
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
LA GAZZETTA
Ottobre fa (ancora) rima con rincaro

Ormai è una regola: i grandi provider con la stagione autunnale tornano a ritoccare al rialzo i famosi “prezzi fissi” sulla connessione, che fissi non sono. Chi ha detto che non ci sono più le mezze stagioni? Sì perchè il meteo avrà pure perso ogni logica, ma di segnali ce ne sono eccome per capire […] LEGGI