Quando ricevere il Bonus Mobilità è questione di clic

Il 3 novembre 2020 è stato attivato il portale per richiedere il tanto bramato Bonus Mobilità, peccato che i phishers siano sempre dietro l’angolo e, soprattutto, siano sempre preparati.

Il trucco questa volta stava nell’URL del sito web. Proprio così, forse per qualche svista il Ministero dell’Ambiente non ha registrato domini simili a quello scelto (buonomobilita.it) per prevenire i famosi fenomeni di “typos”, ovvero errori di battitura, da parte degli utenti.

Gli abili truffatori non hanno perso un secondo e hanno colto la palla al balzo, registrandoli per i loro loschi fini e caricandoci dei layout graficamente simili a quelli del sito ufficiale. Così gli URL come “bonusmobilita.it”, “bonusmobilità.it” o, ancora, “buonomobilità.it” ospitavano le perfette piattaforme di phishing.

La truffa è stata presto scoperta e ad oggi il sito non ufficiale ha cambiato impaginazione chiarendo che non è collegato al Ministero dell’Ambiente, rimandando correttamente, tramite link, al sito ufficiale.

Fonte: cybersecurity.startupitalia.eu

Consigli per evitare attacchi di phishing

< Visualizza tutti gli articoli