BANNARE

/pronuncia ban•nà•re /

ANGLICISMO – Verbo transitivo
Dall’inglese (to) ban ‘bandire’

 

Si tratta di una parola che nell’universo del web è diventata molto importante: il ban è un’azione sanzionatoria riservata agli amministratori di una comunità virtuale, con cui, temporaneamente o permanentemente, ne viene interdetto l’accesso o la possibilità di pubblicarvi contenuti a utenti che abbiano compiuto un’infrazione delle regole della comunità stessa.

UOMO BANNATO A VITA DA TWITTER

Twitter ha bannato per sempre Tommy Robinson, il co-fondatore di English Defence League (Edl), un gruppo inglese che “guida la lotta contro l’islamizzazione globale” e “difende i diritti umani, la democrazia e la legge”, come recita il sito ufficiale.

Il motivo? Ha violato le norme del social network in materia di “condotte d’odio”. La Bbc riporta che il suo account era già stato sospeso più volte.

uomo bannato da Facebook e da Apple

Alex Jones è stato bannato sia da Facebook che da Apple.

Facebook ha rimosso le pagine Alex Jones Channel, Alex Jones, InfoWars e Infowars Nightly News per “aver postato ripetutamente contenuti negli ultimi giorni” che violano gli standard della società.

L’azione di Facebook arriva dopo che Apple ha rimosso cinque dei sei podcast InfoWars dalle sue piattaforme, incluso iTunes.
APRILE 2019
L M M G V S D
< PREC.   SUCC. >
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930
LA GAZZETTA
Ottobre fa (ancora) rima con rincaro

Ormai è una regola: i grandi provider con la stagione autunnale tornano a ritoccare al rialzo i famosi “prezzi fissi” sulla connessione, che fissi non sono. Chi ha detto che non ci sono più le mezze stagioni? Sì perchè il meteo avrà pure perso ogni logica, ma di segnali ce ne sono eccome per capire […] LEGGI